Macelleria Randazzo

La Macelleria Randazzo è situata nel centro storico di Termini Imerese, all’interno di un immobile stretto e profondo, che attraversa l’intero isolato e che presenta delle accentuate irregolarità spaziali, generate dalle diverse giaciture delle pareti perimetrali.

Lo sforzo progettuale è consistito nel far diventare la complessità spaziale del locale, data dal suo sviluppo longitudinale con gli accessi posti sui due lati più corti, un punto di forza del progetto, articolando i diversi ambiti secondo un processo lineare di lavorazione della carne.

Il locale è suddiviso in due parti principali, una destinata alla vendita di 50 mq circa e una di 83 mq destinata ad accogliere il laboratorio, le quali risultano comunicanti tramite un passetto schermato alla vista da un pilastro di dimensioni notevoli.

Per l’area vendita, avendo la parete d’ingresso una giacitura diversa rispetto le pareti laterali, al fine di regolare le geometrie si è resa necessaria l’identificazione di un grande elemento architettonico che fungesse anche da ordinatore degli spazi: un controsoffitto a doppia quota, in cui la parte più alta è definita da un perimetro rettangolare, con giacitura parallela alla parete d’ingresso, al di sotto del quale sono collocati il bancone refrigerato per l’esposizione delle carni e la cassa. La parte più bassa invece consente di disporre tutti gli elementi funzionali di supporto – banco di lavoro con affettatrici, tritacarne, macchina confezionatrice e lavamani da un lato e arredi espositori con una panca per l’attesa dall’altro – che, con le loro forme trapezoidali, costituiscono il trait-d’union tra le due giaciture.

La scelta materica è stata orientata su prodotti naturali e legati alla tradizione locale. È stato utilizzato un rovere naturale per gli arredi e il marmo grigio di Billiemi per il piano di lavoro e il rivestimento del pilastro. Invece la parete sopra il piano di lavoro è stata rivestita in gres, la cui tonalità scura mira a creare un fondale neutro per l’esposizione dei prodotti stagionati.

La zona per la lavorazione della carne ha un carattere più industriale e segue le logiche del processo di lavoro. Un sistema di putrelle, disposte lungo tutto il laboratorio, accoglie un binario per un’agevole movimentazione della carne che va dalla fase di scarico della fornitura dai mezzi di trasporto alle celle frigorifere ai banchi di lavoro. Il laboratorio è inoltre dotato di una cucina industriale adibita alla preparazione di prodotti gastronomici e delimitata da pareti vetrate scorrevoli.

Tutti gli arredi, ad eccezione di quelli tecnici, sono stati disegnati dallo studio e realizzati su misura. Particolare cura è stata dedicata allo studio dei dettagli, che contribuiscono ad aumentare la qualità dell’intervento e a garantirne il risultato architettonico; si guardi la maniglia della porta d’accesso alla macelleria, il rivestimento del banco frigo per i salumi o il distributore dei ticket.